[cml_media_alt id='896']corsa-dei-barberi[/cml_media_alt]
Corsa dei Barberi

La Corsa dei Barberi è poco ricordata a Firenze, ma era corsa anche qui ed era un evento che richiamava tutto il popolo fiorentino, non a caso si svolgeva il 24 giugno il giorno di San Giovanni Battista patrono di Firenze. Ho scritto “anche qui” per il semplice motivo che non era una corsa esclusiva di Firenze ma si correva in più parti d’Italia sempre con cavalli Berberi da cui il nome della corsa poi storpiato in Barberi.

La corsa era un palio alla lunga ed era caratterizzato dal fatto che i cavalli correvano senza fantini; di origine antica, probabilmente medioevale e citata anche dal sommo poeta Dante nel Paradiso (Paradiso XXVI, 40-42) per bocca di un suo trisavolo Cacciaguida: 

«Li antichi miei e io nacqui nel loco 

dove si truova pria l’ultimo sesto 

da quel che corre il nostro annual gioco. »

[cml_media_alt id='897']corsa-dei-barberi2[/cml_media_alt]
Corsa dei Barberi

La corsa iniziava da Via Ponte alle Mosse chiamata cosi proprio perchè da qui partiva la gara, anticamente si diceva appunto “prendevano le mosse”, cioè partivano. La corsa si dirigeva verso Porta al Prato sul cui prato era montato il palco che ospitava i nobili fiorentini compreso il Granduca. Proseguiva in Via Palazzuolo, Via degli Strozzi e poi in Via del Corso. Anche via del Corso prende questo nome a causa della Corsa dei Barberi che l’attraversava per poi arrivare all’arco di San Pierino dove si trovava il traguardo.

Al termine della corsa mediante un sistema di comunicazione fatto con fumi colorati e specchi posti su campanili e tetti dei palazzi si poteva comunicare alla città e al Granduca chi era il vincitore.

Il proprietario del cavallo vincente riceveva in premio un drappo decorato con il giglio fiorentino e la croce rossa del popolo detto appunto “il Palio”. Il premio originale fu poi sostituito nel 1700 con un premio in denaro. La corsa dei Barberi fu corsa fino al 1858 anno in cui i tanti lavori per adeguare Firenze a divenire capitale alterarono il tracciato e si perse nell’oblio questa bella tradizione; sicuramente anche per rispetto degli animali che spesso si facevano male sugli spigoli delle case.

Nelle infinite problematiche della città odierna mi domando che effetto farebbe, oggi, vedere dei bellissimi puledri scatenarsi per le vie fiorentine.

[cml_media_alt id='32']Jacopo Cioni[/cml_media_alt]
Jacopo Cioni
Corsa dei Barberi
Condividi se ti è piaciuto.
Tag:                     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *