[cml_media_alt id='801']latte-alle-ginocchia[/cml_media_alt]
Far venire il latte alle ginocchia

Un tempo l’antica pratica della mungitura veniva effettuata manualmente. L’allevatore si sedeva su uno sgabello al fianco della mucca, posizionava il secchio in mezzo alle ginocchia e, armato di grande pazienza, iniziava l’operazione che richiedeva molto tempo e terminava solo quando il livello del latte nel secchio gli arrivava “all’altezza delle ginocchia”. L’azione del mungitore si ripeteva con calma, secchio dopo secchio, mucca dopo mucca, e certamente determinava in lui un grande affaticamento alla fine del lavoro. Questo modo di dire sarebbe nato proprio per questo motivo. “Far venire il latte alle ginocchia” indica dunque una situazione nella quale una cosa o una persona è terribilmente noiosa, stancante o insopportabile oltre misura.
(da “ADAGI MA NON TROPPO” di Franco Ciarleglio, Sarnus Editore)

[cml_media_alt id='769']franco-ciarleglio[/cml_media_alt]
Franco Ciarleglio

Far venire il latte alle ginocchia.
Condividi se ti è piaciuto.

Un pensiero su “Far venire il latte alle ginocchia.

  • 14 novembre 2016 alle 12:20
    Permalink

    Aggiungerei un’altra versione un po’ piu’ licenziosa e popolare.
    Far venire il latte alle gionocchia indica che per la noia il seno delle donne cadeva in basso fino alle ginocchia.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *