(NdR) Per i fiorentini fuoriporta significa abbandonare la città per una escursione nei dintorni di Firenze. Un significato adatto a questa categoria di articoli che parlano di qualcosa che esula da Firenze. Un’altra città o un’altro argomento, qualcosa che non ha niente a che vedere con Firenze ma che ha stimolato l’editore o gli autori nel narrarlo.

[cml_media_alt id='1059']pasquino[/cml_media_alt]
Pasquino

Passato qualche giorno a Roma, oltre che goderne la bellezza storica e il sudiciume odierno, con le suole consumate come un “pellegrino”, non potevo non rendere omaggio ad una statua in particolare, quella di Pasquino sita nell’omonima piazza a due passi da piazza Navona.

Per chi non conoscesse la storia di Pasquino due righe per apprendere velocemente.

Nel 1400 il potere era in mano alla chiesa e questo potere era esercitato, sempre in nome di dio, con alterigia e violenza generando molto malumore nel popolo Romano. Ovviamente allora come oggi l’espressione della dittatura si riconduceva all’impossibilità di esprimere questo malumore e la voglia di libertà espressa a parole poteva costare la prigione se non la vita.
Oggi la tecnica di soppressione delle altrui idee è attuata in modo diverso, ma lo scopo è sempre impedire l’espressione di taluni e soprattutto la conoscenza dei più.
All’epoca a Roma cominciarono a comparire dei cartelli al collo delle statue romane, statue definite da quel momento “parlanti”. Messaggi satirici in versi che colpivano personaggi dell’epoca e soprattutto chiesa e papa. I messaggi erano appesi alle statue nottetempo e con il passare degli anni la satira divenne più aggressiva e soprattutto permetteva ai romani stessi di riflettere nel leggere quelle parole. La più famosa di queste statue diventò Pasquino, oggi ancora conservata, tanto da divenire sinonimo della voce del popolo. La leggenda narra che questo “giornalista” dell’epoca fosse un bottegaio o un calzolaio, (Manfredi lo rappresentò anche in un film che vi consiglio di vedere o anche rivedere dal titolo “Nell’anno del signore”) che armato di arguzia e furbizia metteva in scacco i potenti dell’epoca. La leggenda racconta che nell’arco di 500 anni al susseguirsi dei vari pasquini il maestro insegnava all’allievo. L’ultimo Pasquino fu il poeta Gioacchino Belli se ne conosce il nome perchè lo stesso Belli non volle rimanere nell’anonimato. Una volta raggiunta la pubblicazione dei suoi scritti cessarono i messaggi satirici e forse con lui si interruppe la lunga tradizione.

Veniamo a noi. Comprendete l’importanza in quel tempo di questi cartelli? L’importanza di queste informazioni? Di come il popolo romano concretizzava l’informazione in quelle rime satiriche e come attraverso esse capiva e “cresceva”. Era talmente negativo per il potere che le statue furono anche messe sotto controllo per riuscire a scoprire il satirico giornalista del 1400. La stessa Carboneria, i sovversivi contro il potere temporale, ingrossavano le file perchè la gente si svegliava proprio grazie ai cartelli. Questa la loro funzione.

Pasquino 2Immaginate la mia sorpresa quando giunto davanti alla voce di Roma e ricordandola secondo la foto che apre questo pezzo l’ho invece ritrovata pulita e spoglia.
Dovete sapere che molti romani, ancora oggi, attaccavano volantini e proclami, denunce e scomode verità su quella statua; ecco oggi è bella candida, forse ripulita in nome della civiltà dato che non si danneggia un’opera pubblica, scordando o volendo scordare che nella realtà la statua come tale ha davvero scarso valore artistico e che il suo valore è nella sua funzione storica.
Non solo, ma è stato rimosso anche il cartello dal suo piedistallo, il cartello che raccontava la storia di Pasquino. Si è fatto di tutto per renderla sterile e anonima, un pezzo di marmo davanti al quale si può transitare senza degnarla di uno sguardo.

Sarò forse esagerato nel pensare che anche questa è censura, nascondere un fatto storico perchè scomodo o perchè potrebbe tornare attuale, ma come si dice… a pensar male….

Sapete cosa mi ha fatto decidere di scrivere questo pezzo? Il fatto che mentre raccontavo la storia di Pasquino alla prole un astante seduto ad un ristorante li accanto ha mollato la forchetta con la carbonara e si è messo ad ascoltare, la luce dei suoi occhi guardando la statua prima ignorata è stata risolutiva.

Cari Romani, invece di prendere una scopa in mano e pulire la vostra Roma (alla Gassman-maniera) facendo quel lavoro per cui pagate profumate delle tasse e che i vostri amministratori dovrebbero organizzare al meglio per rendere giustizia alla città e a voi, ringiovanite Pasquino; rendetelo ancora parlante e satiricamente aggressivo, siate ancora la voce contro il potere e la dittatura, che so, magari attaccando nuovamente sulla statua nuovi articoli e denunce, obbligando l’amministrazione a ripristinare un cartello con la storia, quella vera, rendendo di nuovo mito Pasquino.

[cml_media_alt id='32']Jacopo Cioni[/cml_media_alt]
Jacopo Cioni
Pasquino
Condividi se ti è piaciuto.
Tag:                         

3 pensieri su “Pasquino

  • 28 gennaio 2017 alle 22:43
    Permalink

    concordo pienamente. E’ un peccato che non ci sia più una scritta a ricordare la funzione di questa statua che a modo suo ha fatto storia .Certo oggi è più facile e comodo esprimere i nostri pensieri in rete sui social, ma pensate al valore che poche parole attaccate al collo di Pasquino dovevano avere a quell’epoca per gli scontenti del sistema e alla fama che acquistavano in tutta la città, finendo per essere considerate pericolose dalle autorità. Veramente è un peccato che questa statua sia stata deprivata della sua bella storia!Forse non ha valore artistico ma certamente possiede un grande valore umano dato dai sogni, dalle critiche, dalle arrabbiature o dagli sberleffi di un popolo che non aveva altro mezzo per far arrivare la sua voce ai potenti.

    Rispondi
  • 18 gennaio 2017 alle 22:50
    Permalink

    bello!!!potrebbe senz’altro tornare attuale visto la politica odierna …alcune lacune svelate al popolo e non censurate…farebbe comodo saperle….

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *