Francesco Furini Firenze 1604 -1646

Nato a Firenze in una famiglia povera e numerosa fu dapprima allievo del padre Filippo il quale intuendone la forte inclinazione per l’arte lo inviò a Roma, pur con grande sacrificio economico.

Il Furini si perfezionò con Giovanni da San Giovanni e naturalmente subì l’influenza del Caravaggio.

Non appena si sentì in grado di lavorare da solo tornò a Firenze ed ebbe subito un gran successo specialmente presso la nobiltà fiorentina che apprezzava la sua abilità nel ritrarre, con morbidezza di colori, i nudi femminili languidamente adagiati.

Una curiosità: pare che spendesse notevoli somme di denaro per avere le modelle più attraenti. A questo periodo appartengono le opere: La notte, Nesso e Deianira, Morte di Adone e il suo capolavoro: Ila rapito dalle Ninfe.

Nel 1633 prese l’abito talare e fu sacerdote della parrocchia di S. Ansano nel Mugello.

D’ora in poi i soggetti sacri costituiscono la gran parte della sua produzione ma queste opere appaiono dotate d’una minore spontaneità. Le opere di questo periodo: Madonna del Rosario, la Concezione, Il parto di Rachele, Le figlie di Loth.

La Moglie di Loth, Museo Horne
San Sebastiano, Museo Horne

 

Ila e le Ninfe, Galleria Palatina
Clara Virgili

 

Per chi abita in… via Francesco Furini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.