Il ponte Amerigo Vespucci è uno dei ponti più “giovani” di Firenze; costruito sulle ceneri del ponte di via di Melegnano. Il ponte di Melegnano era un ponte iniziato nel 1949 e costruito usando i materiali di riciclo provenienti dai ponti distrutti dopo la ritirata tedesca. Fu allestito come sostituto in attesa della ricostruzione dei ponti di San Niccolò e alla Carraia.

Un primo progetto per attraversare l’Arno in quell’area era già in essere nel 1908 ma gli eventi precipitarono verso la guerra e fu accantonato. Fu il cinquecentenario della Nascita di Amerigo Vespucci a dare l’occasione per indire un concorso per un progetto per il nuovo ponte. Il concorso si svolse fra il 1952 e il 1954 e fu vinto dagli architetti Giorgio Giuseppe Gori, Enzo Gori ed Ernesto Nelli assieme all’ingegner Riccardo Morandi. (Per sapere chi era Morandi, leggetevi questo splendido articolo).

Se osservate il ponte da una certa distanza potrete notare che si tratta di una linea arcuata senza soluzione di continuità, un nastro teso fra i due argini. Il progetto iniziale voleva questo, una strada di collegamento fra il rione di San Jacopo e quello di San Frediano. Una lingua di strada lunga 22 metri e mezzo e larga nove metri e mezzo.

Questo il progetto e in questo è il suo segreto, il ponte non doveva avere pigne.

L’idea mimava un filo di perle senza i nodi di separazione, se si mettete in tensione il filo le perle in contatto sferico l’una con l’altra formano un arco estremamente “rigido” . Questo era il sistema progettato, una serie di tavolati di cemento armato compresso messi in tensione da cavi d’acciaio.

Il comune di Firenze non si fidò di questa soluzione e pretese le pigne.

Il comune fu accontentato e il progetto fu modificato con la presenza dei piloni. Per renderli piacevoli alla vista furono disegnati con gli sparti flutti che mimavano l’immagine di quelli del Ponte Vecchio. Questo fornì una continuità visiva che dette poi il via all’idea di unire vecchio e nuovo. Il progetto prese forma come un’opera moderna ma con un ritorno ad immagini già presenti nella vecchia Firenze. Come dicevamo le pigne similari a quelle del Ponte Vecchio, il fondo con il caratteristico porfido di San Frediano, la ringhiera nello stile del Ninfeo che si trova in Palazzo Pitti ed i filaretti di pietra forte che rivestano le pile del ponte, lunghi e serrati come quelli sul fianco di Palazzo Vecchio.

Quindi, le pigne ci sono, ma in realtà non sopportano il peso del ponte che ne rimane separato per un esiguo spazio di pochi centimetri. Tutto questo per la testimonianza di un addetto ai lavori che li ha seguiti nello svolgimento.

Jacopo Cioni
Jacopo
Ponte Amerigo Vespucci, un ponte con un segreto.
Condividi se ti è piaciuto.
Tag:                 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *