Parole Massime

Rivoluzione: Henry Ford

È un bene che gli abitanti della nazione non capiscano abbastanza il nostro sistema bancario e monetario, perché se lo facessero, credo che ci sarebbe una rivoluzione prima di domattina.

– Henry Ford –

 Da aggiungere che:

1° Ancora oggi non è stato capito il concetto sopra espresso e continuiamo imperterriti a seguire l’agenda che multinazionali e banche ci impongono.

2° Queste organizzazioni finanziarie sovranazionali hanno di fatto bypassato i governi nazionali conquistando il potere politico mediante soldi e corruzione.

3° Non solo, in Europa, meglio che negli stati americani, hanno in maniera univoca ottenuto il possesso e l’emissione della moneta.

4° I pochi che hanno capito si svenano per cercare di farlo capire agli altri, ma sono additati minimo come coglioni!

5° Taluni cittadini sono addirittura convinti che questa forma di neo-liberismo sia un vantaggio per i popoli.

Rivoluzione: Henry Ford.
Condividi se ti è piaciuto.
Tag:             

Un pensiero su “Rivoluzione: Henry Ford.

  • 1 luglio 2017 alle 22:56
    Permalink

    Hai ragione: è dal 2005, quando questo ben custodito segreto è uscito inopinatamente alla luce, che mi sgolo, a voce e per iscritto, per far capire la perversità, anzi la criminalità dell’attuale sistema banco-monetario; ma il silenzio dei media è come una coltre che copre ogni rumore esterno al sistema. Quello che diceva Ford lo sosteneva anche Thomas Edison. Erano i primo anni ’20 e la nascita truffaldina della Federal Reserve (2 giorni prima di Natale 1913, mentre congresso e senato erano in vacanza) aveva solo 7-8 anni di vita. L’Ottocento è stato teatro di epiche battaglie dei presidenti USA contro i banchieri, con tanto di omicidi o attentati eccellenti (il più famoso quello di Lincoln) per ottenere l’emissione privata del denaro e dare inizio all’IRS, la prima tassa sul reddito degli americani (nostra Irpef). I nostri talk show spaziano su tutti i temi, tranne questo, ultimo tabù: con fondi illimitati si comprano intere nazioni e il silenzio dei loro governanti. All’epoca di Ford non era comunque ancora avenuto qualcosa di ben peggio: l’emissione di denaro dal nulla delle banche commerciali al semplice ticchettio dei tasti di un PC. Ormai questa moneta scritturale rappresenta il 92% della moneta ciorcolante, ed è illegale. Vedi ad es. tra i tanti questo mio recente articolo: http://www.truciolisavonesi.it/index.php?option=com_content&view=article&id=7477:lettera-aperta-all-agenzia-delle-entrate-e-&catid=61:marco-giacinto-pellifroni&Itemid=57

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *