(NdR) Per Cittadini di ex città fortificate fuoriporta significa abbandonare la città per una escursione nei dintorni della città stessa. Un significato adatto a questa categoria di articoli che parlano di qualcosa che esula da Firenze. Un’altra città o un’altro argomento, qualcosa che non ha niente a che vedere con Firenze ma che ha stimolato l’editore o gli autori nel narrarlo.

Molto tempo fa ho pubblicato un pensiero sul mio profilo facebook…

Il pensiero pubblicato era questo:

“Io accetto ogni condizione umana, mi vanno bene i gay, mi vanno bene i credenti, mi vanno bene i vegani, mi sta bene la discussione, il confronto, la dialettica. La cosa che non accetto è quando tu mi imponi il tuo comportamento, la tua scelta. Sei vegano, ne sono felice per te e se vuoi parliamo, ma non sopporto che tu mi additi come assassino perché mi piace il pollo arrosto. Ti piacciono le persone del tuo stesso sesso, per me non c’è problemi è una tua scelta e io la rispetto, ma non accetto che tu la sbandieri come una scelta che tutti dovrebbero condividere e per far questo pretendi di istruire i bambini a scuola in merito, non posso accettarlo e mi difendo e soprattutto difendo i bambini. Vorresti adottare un bambino, no, non ci sto, la tua scelta è tua e nessun bambino deve esserne parte per una tua soddisfazione personale di essere genitore, il bambino viene prima. Sei un credente, mi fa piacere, non ti voglio certo vietare di pregare o andare a messa ne alla moschea, ma non sciorinarmi i tuoi principi come indiscutibili e veritieri, non mi interessano, sono i tuoi, non i miei. Quindi essere un liberale non è tollerare, ma accettare le altrui scelte, essere però anche in grado di dire NO quando queste scelte pretendono di modificare il modo di vivere la vita agli altri. Le mie uniche aspirazioni sono la Sovranità, la Libertà, la Democrazia, non ci sono aspirazioni cristiane, vegane, omosessuali, induiste, globaliste, razziste. Io sono un liberale, non un tollerante.”

Sembra sia piaciuto, ho ricevuto molti consensi rappresentati in facebook con i “mi piace” e tanti commenti. Anche scambi di idee e critiche, che ovviamente fanno parte del gioco. C’è però una differenza fra uno scambio di idee ed una critica. Uno scambio di idee non è mai personale, si parla del tema in oggetto e si cerca di capire l’uno con l’altro limiti e prospettive, è sempre costruttivo alla fine; si può imparare qualcosa e mettere in cantiere nuovi pensieri. La critica è, diversamente, sempre non costruttiva nonostante si faccia passare per il contrario, è sempre un attacco e spesso, anzi quasi sempre, non all’idea, ma alla persona.

Chi critica di solito è perchè si sente colpito in prima persona, scatta l’adrenalina e non riesce più a leggere le parole per quelle che sono, ma le vede riferite a se stesso o alla sua personale battaglia che è però sua, non la mia e non c’è ragione nell’attaccarmi perchè deve essere anche la mia.

Nel pensiero in oggetto sono stati riportati tre esempi che avevano lo scopo di chiarire il concetto in se e rendere palese la differenza fra tollerare ed essere liberale. Tollerare (è la vignetta sotto) significa che qualcosa non ti piace, ma data la situazione fai buon viso a cattiva sorte e la accetti malvolentieri. Accetti cioè che sussista quella condizione pur non approvandola. Essere un liberal-democratico significa invece non tollerare, ma ammettere quella condizione come parte della società in cui vivi.

razzismoSussiste una grossa differenza fra le due parole ed è una differenza mentale. Per fare un esempio, un razzista può essere tollerante, odia i neri ma dato che vive in una società in cui ci sono è costretto a tollerare la loro presenza. Si tratta sempre di un razzista che in una condizione sociale diversa non tollererebbe un bel niente e magari darebbe una bastonata al nero. Il liberale invece non tollera il nero, lo accetta come accetta qualsiasi persona perché non vede la differenza.

Nella situazione attuale è la tolleranza ad essere pericolosa perchè oltre a nascondere il vero volto di chi tollera si rischia di arrivare a tollerare ciò che non è tollerabile. Vedere un italiano arrestato perchè vendeva delle arance per raccattare qualche soldo e allo stesso tempo vedere un immigrato clandestino che 10 metri più in la vende borse e portafogli contraffatti che passa inosservato tanto che neanche gli viene chiesto i documenti è una tolleranza non accettabile. Un liberale non alberga in assenza di regole, ma le chiede rispettate da chiunque, nero, giallo, bianco che sia. Applicando le stesse regole per tutti non c’è bisogno di tollerare niente che non sia intollerabile.

razzistaIl perbenista benpensante è spesso estremamente tollerante ed usa la parola razzista a sproposito per rendere tollerate anche situazioni non tollerabili. Qualcuno, da persona debole, per non far figuracce, si sciorina in “poverino lui”, “è un essere umano”, “cosa deve far per mangiare?” senza rendersi conto che nelle stesse condizioni sta anche l’italiano arrestato per le arance vendute. Quindi il perbenista benpensante genera un razzismo contrario dove è lecito arrestare l’italiano che sbaglia ma sono da tollerare gli immigranti che sbagliano. E’ il suo benpensare che poi genera il razzismo reale di chi vede certe differenze di comportamento dello Stato. Persone che non hanno nulla contro l’immigrato cominciano ad odiarlo non perchè “diverso” ma perchè lo fanno diventare un diverso.

Un liberale non tollera ne l’uno ne l’altro. Un liberale che basa il suo pensiero sulla Libertà dell’uomo desidera che ognuno si esprima secondo le sue capacità all’interno di regole condivise. Regole imposta da uno Stato non padrone ma genitore, assente per farti crescere e presente per indicarti il giusto cammino. Uno Stato che non invada la tua vita, ma la regoli per i buoni rapporti fra tutti. Retorica dire che la mia Libertà finisce dove comincia la tua? Non credo, neanche rispetto allo Stato stesso che ultimamente demolendo la Democrazia e la Sovranità dei Cittadini li ha resi meno Liberi.

Tornando a noi….. un critica non è quindi costruttiva e una tolleranza non è quindi un merito.

Cito: “La libertà non sta nello scegliere tra bianco e nero, ma nel sottrarsi a questa scelta prescritta.” – Theodor Adorno –

I tre esempi riportati nel mio post non sono stati scelti a caso, sono argomenti dove chi è interessato in prima persona può riflettere. Non riflettere se la sua scelta è giusta o meno questa riflessione è già stata compiuta se la scelta è stata fatta, ma se il suo modo di vivere la sua scelta opprime altri che hanno fatto scelte diverse.

salva un veganoUn vegano si ergerà pensando che lui in nessuna maniera sta violando i diritti altrui ne compie nessun crimine ed ha perfettamente ragione sino a che la sua scelta è sua. Poniamo però che il gruppo vegano nel suo insieme acquisisca sufficiente forza da far passare in Parlamento una legge che obblighi ogni ristorante e trattoria ad avere un menù vegano. Nell’illusione della grande conquista sociale sta imponendo la sua scelta ad altre persone, nello specifico a dei ristoratori che magari non vogliono un menù vegano nel proprio locale. Il ristoratore subisce una legge che per accontentare alcuni forza la mano ad altri. Tutto ipotetico evidentemente, ma queste cose nella pseudo-democrazia (per non scrivere dittatura) attuale passano sovente. Per capirsi, si obbliga tutti agli studi di settore con la scusa dell’evasione di pochi. Per un liberale è opprimente e sbagliato, se qualcuno evade è perchè le leggi fiscali sono state concepite male permettendo angoli bui che favoriscono l’evasione; quindi per impedirla non si deve aumentare i controlli e i labirinti burocratici, ma modificare, anche rifare completamente la legge fiscale per rendere impossibile l’evasione. Questo modo di pensare, quello liberale, non può passare, non può affermarsi perchè è comodo che nella società ci siano quegli angoli bui e non devono essere eliminati.

dio esisteIl religioso non commette peccato legale ad esserlo, ci mancherebbe, ma commette peccato di illiberale pensiero quando impone la presenza della sua religione nella vita degli altri. Si, un crocifisso in un’aula è qualcosa che non dovrebbe esserci, perchè lo Stato è e deve essere laico ed esistono delle leggi in questo senso; come però non dovrebbe esserci nemmeno un burqa per le strade o una circoncisione o una infibulazione, legali o meno, o ancora un luogo di preghiera non aperto al pubblico o una tolleranza (appunto) su comportamenti che violano le leggi. Chiunque, se non dorme ritto, si accorge che in taluni casi, per talune religioni, si fa finta di nulla. Una mensa scolastica non deve adattare il suo menù secondo principi religiosi, ma solo per motivi medici o ogni religione chiederà il rispetto della sua tradizione e avremo una reale impossibilità nel gestire la mensa stessa. Lo Stato non deve tollerare per fini religiosi, deve dare ad ognuno la libertà di scegliere e praticare la usa religione sino a che non interferisce con la vita degli altri. Quindi come è giusto togliere un crocifisso dalle aule e dagli uffici pubblici è giusto che ci sia il maiale a pranzo e che ci sia la carne il Venerdì o ancora che il pane sia quello comune locale. Chi, fedele alla propria religione, non può mangiare carne il Venerdì non la mangerà, come sua scelta e non come scelta imposta a tutti. Vogliamo poi introdurre piatti stranieri nel menù, ben venga è un’ottima idea, ma con lo scopo culturale del gesto, di far conoscere ai ragazzi culture diverse. Fino a che lo Stato italiano ha una legge che chiede di essere riconoscibili per strada e negli uffici pubblici sarà dovere delle forze dell’ordine impedire la circolazione con il burqa e non tollerare; quella legge ha uno scopo e fu introdotta ai tempi delle brigate rosse come mezzo di lotta al terrorismo e mai come oggi è attuale. Lo Stato non si deve piegare alle religioni, deve proteggere la libertà di tutti impedendo le imposizioni di pochi.

Desfile del orgullo gay en Madrid, 2013.Il terzo tema che è l’omosessualità è affascinante perchè va oltre il concetto di religione (io credo) in quanto è dato dalla condizione in cui si riconosce una persona (io sono). Nel “io sono” per un liberale non è però implicito “quindi impongo”. Seguendo questo pensiero anche un serial killer “è” in quanto è la sua natura che lo rende un omicida, ma non per questo gli permetto di uccidere liberamente. “L’io sono” si deve fermare necessariamente sul fronte “dell’io impongo”. Da liberale credo che sia sacrosanto diritto per una coppia omosessuale o anche solo legata da amicizia poter firmare un contratto reciproco sullo stile di quello matrimoniale che renda due persone libere di mutuo soccorso l’una con l’altra e che permetta di avere una comunione di diritto. In uno Stato laico mi domando per quale ragione l’influenza del religioso deve interferire con le libere scelte di due persone maggiorenni e consapevoli. Non è accettabile e per un liberale è intollerabile. Il liberale non tollera l’omosessualità, l’accetta come condizione presente e libera, allo stesso tempo un liberale non tollera l’influenza religiosa sull’omosessualità. Diverso il discorso dell’adozione dove una terza persona (bimbo) è inserita nell’equazione. Lo Stato deve valutare anche i diritti e la libertà di quella terza persona che se non è in grado di esercitarli questi diritti, perchè è minorenne, è lo Stato che deve proteggerla e fare in maniera che cresca scoprendo la sua natura. Il discorso gridato che una coppia omosessuale può essere in grado di dare amore come una coppia tradizionale non è sufficiente e, anche se creduto fortemente, non basta giurare di lasciar crescere il bimbo secondo la sua natura. I bambini non crescono con le parole, ma con gli esempi, le immagini, con le auto-domande e le auto-risposte.

Non è accettabile per un liberale vedere una scuola dove si trasforma l’educazione sessuale da senso fisio-biologico a senso sessuale, a nessun livello. L’aspetto sessuale della crescita di un bambino al di la dell’aspetto fisio-biologico è un dovere e diritto solo dei genitori (e soprattutto) del piccolo. Dovere, che come per qualsiasi altra cosa, (studio, lavoro, passioni) deve essere assecondato e plasmato nell’unica condizione possibile, il bene del bambino, la sua realizzazione nella felicità. La scuola NON DEVE entrare in questa sfera, ci sono dei limiti invalicabili e intollerabili. La scuola ha già deviato molteplici volte dal suo percorso educativo ed oggi crea dei conoscitori generici e scollegati invece di insegnare a pensare; la scuola ha assunto il ruolo di insegnare COSA pensare che è quanto di più illiberale si possa fare, ammaestrare. La scuola DEVE insegnare a pensare. Mai tanto attuali sono le parole di Margaret Mead “Bisogna insegnare ai bambini a pensare, non a cosa pensare.”

Tornando all’omossessualità un liberale la accetterà sempre come un fatto normale perchè è una scelta personale, su cui nessuno deve intervenire, ma non accetterà mai che lo Stato tolleri un gay-pride per le strade di una città. Una Manifestazione dove persone si scambiano effusioni mezze nude per la strada, è inaccettabile perchè impone che io veda ciò che non mi interessa, la stessa cosa varrebbe per un etero-pride, non cambierebbe nulla. Si tratta di una violenza verso chi non è interessato a quell’aspetto della TUA vita, non della SUA. Lo Stato non deve tollerare. Non inneggiamo all’atto come una scossa per far pensare le persone sulla questione perchè è solo controproducente per gli omosessuali stessi che devono invece rivendicare i propri diritti come normali Cittadini e non come un circo sessuale.

Concludo semplicemente con una massima…..

“Non smettete mai di protestare; non smettete mai di dissentire, di porvi domande, di mettere in discussione l’autorità, i luoghi comuni, i dogmi. Non esiste la verità assoluta. Non smettete di pensare. Siate voci fuori dal coro. Siate il peso che inclina il piano. Siate sempre in disaccordo perché il dissenso è un’arma. Siate sempre informati e non chiudetevi alla conoscenza perché anche il sapere è un’arma. Forse non cambierete il mondo, ma avrete contribuito a inclinare il piano nella vostra direzione e avrete reso la vostra vita degna di essere raccontata. Un uomo che non dissente è un seme che non crescerà mai.” – Bertrand Russell –

…… aggiungendo

Fate che la vostra protesta non sia imposizione per gli altri o sarete uguali a coloro che vi impongono una vita che non è la vostra.

Jacopo Cioni
Essere un liberale-democratico
Condividi se ti è piaciuto.
Tag:                     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *