Te sveji na mattina e parti da stazione Tiburtina e co’ Italo, co’ manco un ora a 300 allora arivi a sta’ città. Si, te vieni daa Roma dei Cesari e pure ner medioevo nun eravamo l’urtimi tra papi e santi…
Ma è ora de scenne, stamo già a Santa Maria Novella e senti subbito che l’aria è cambiata….
Stamo nella città de Dante, in quella dei Medici e già te ritrovi davanti Santa Maria Novella, bella dentro e fori, poi vicino c’hai Santa Maria der fiore, er Duomo che nun se paga pe entra’ perché era der popolo ieri come lo è oggi, mettece poi che noi romani ciavemo tante de quelle chiese a Roma, che ce pare strano da paga’ pe entracce, quando da noi nun se paga manco  pè entra’ San Pietro….
Ar Duomo c’hanno lavorato er Brunelleschi cor Vasari e rimani a bocca aperta a guarda’ la cupola da dentro co’ tutti quell’angeli e quei santi….
Poi te fai n’antro giro e te vedi l’armature che stanno dentro ar museo Stibbert….e non sai se piagne o ride quanno vedi quer ben de Dio pe,’ chi je piace er medioevo….
Ma mica è finita… c’è er Bargello co’ la campana  Montanina…che è mejo che nun sona de no sta a succede quarcosa de brutto…. e pure li quadri, dipinti, statue e armature che te cadeno l’occhi per tera….almeno finché non entri all’Uffizi…. certo devi esse paziente e fatte la fila…. ma quanno entri….statue, quadri, pale… e te ricordi de Sthendal… che si se c’aveva ragione…
Ancora intontito esci e arivi a Piazza della Signoria co’ la statua der David, quella de Oloferne co’ Giuditta e Cosimo primo che troneggia dar cavallo e te guarda imbronciato… te vedi poi la Badia e Orsammichele, er maialino che te porta fortuna, er Ponte Vecchio coll’ Arno… a chiesa della Santa Trinità, er Cappellone dei Spagnoli… ma te rendi conto che pe’ vede’ tutto te serve tempo… er Giardino de Boboli, palazzo Vecchio, palazzo Pitti, Santa Croce…. e tanto artro…. e capisci che devi riveni’…. tanto co’ un ora arivi… me riconsolero’ sotto la lupa coi gemelli, ar foro romano vicino a tomba de Giulio Cesare…. Roma è bella, ma Firenze nun è da meno… e prima o poi alla città deer gijo ce devo torna’….
Riccardo Massaro
Un romano a Firenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.