I piselli alla fiorentina sono un contorno tipico della cucina della nostra bella città, un contorno facile da preparare e perfetto per accompagnare svariati secondi. Perfetti per secondi piatti di carne, possono essere mangiati in alternativa ai fagioli con la bistecca o accompagnare un agnello al posto delle patate, gustati con un piatto di vitella, ma la morte dei pisellini alla fiorentina è l’accoppiata con l’arista al forno.

I piselli alla fiorentina sono un piatto molto semplice da preparare e il periodo migliore è proprio all’inizio della loro stagione quando i piselli sono piccoli, teneri e profumati. Andrebbe ricordato che la loro preparazione vuole il rigatino toscano, può essere sostituito da una pancetta tesa, ma il rigatino è meglio. Il rigatino toscano si ricava dalla parte superiore del maiale tra il lardo della schiena del maiale e la pancetta vera e propria.

Ingredienti per 4 persone

1.2 kg. di piselli freschi o, se fuori stagione, 600 gr. congelati
2 spicchi d’aglio
100 gr. di rigatino steso (in alternativa la pancetta tesa)
1 cucchiaino di zucchero
buccia grattata di mezzo limone
prezzemolo
olio toscano, sale e pepe

Preparazione
Per prima cosa vanno sgranati i piselli e se avete dei bimbi piccoli fate come facevano le nostre nonne, metteteci loro a sgranarli. Una volta sgranati vanno lavati in acqua fresca. In una casseruola mettete l’olio, tre cucchiai colmi, e i due agli in camicia ed il prezzemolo tritato.  Aggiungete i pisellini il cucchiaino di zucchero, il sale e il pepe.

Quando hanno preso calore aggiungere mezzo bicchiere d’acqua e attendiamo una cottura per 15\20 minuti a fuoco lento. Aggiungiamo a questo punto il rigatino tagliata a striscioline e portiamo il tutto a cottura per 5\6 minuti.

Vanno serviti caldi con la buccia del limone grattato.

Come vedete sono facilissimi da preparare, sono gustosi e versatili; su forza cominciate a sgranare!!

Jacopo Cioni
Jacopo Cioni
Piselli “alla fiorentina”.
Tag:                     

2 pensieri su “Piselli “alla fiorentina”.

Rispondi a Giorgio Tani Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.