Fra il lusco e il brusco di Francesca Gernini

“Lusco” deriva dal latino “luscus” che significa guercio, cieco a un occhio o che comunque ha difficoltà nel vedere; “brusco” invece indica quella situazione di luce fioca e incerta tipica dell’imbrunire.
Nel dialetto della Garfagnana e nel pistoiese in generale si trova comunemente anche il termine “bilusco” (bis luscus) per dire strabico.
L’espressione “tra il lusco e il brusco” viene usata in senso figurato per indicare una situazione vaga, confusa, di difficile valutazione oppure un’espressione del viso tra il benevolo e il severo.
(da “Adagi ma non troppo” di Franco Ciarleglio, Sarnus Editore)

Franco Ciarleglio
Tra il lusco e il brusco.

Un pensiero su “Tra il lusco e il brusco.

  • 27 Ottobre 2019 alle 18:48
    Permalink

    ” tra il lusco e il brusco” : è arrivato tra il lusco e il brusco, non l’ho riconosciuto.
    forse usato impropriamente,per la sera a l’imbrunire,

    Rispondi

Rispondi a Grazia Barbieri Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.