Baccio Bandinelli ultimò nel 1534 la possente struttura marmorea di “Ercole e Caco” che oggi si trova sull’arengario di Palazzo Vecchio a fianco della copia del David di Michelangelo.
Bandinelli fu un grande estimatore e ammiratore di Michelangelo al punto che in quella statua volle quasi emulare se non addirittura superare il Maestro.
Ma Ercole venne scolpito con una massa muscolare esagerata e smisurata, quasi innaturale, senza un minimo di anima e di perfezione anatomica.
Alla vista di quella statua Benvenuto Cellini ebbe un commento tagliente: “Sembra un sacco di poponi appoggiato al muro” e da quel momento Ercole e Caco per il popolo fiorentino divenne “il sacco di poponi”.
(da “Burle Toscane” di Franco Ciarleglio, Sarnus Editore)

Franco Ciarleglio
Il sacco di poponi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduttore