Stando a quanto tramandato dalla leggenda, sembra che il termine “VinSanto” fu pronunciato la prima volta durante il Concilio Ecumenico che si svolse a Firenze nel 1439, termine che ancora oggi indica un vino fatto prevalentemente con uve bianche e invecchiato per almeno tre anni in botti di quercia.
Si narra che durante uno dei banchetti il Cardinale Bessarione assaggiò questo vino ed esclamò: “Ma questo è XANTOS” riferendosi a un prodotto molto simile, tipico dell’omonima isola greca.
I commensali, forse non tanto perspicaci e anche piuttosto alticci, fraintesero la parola del Cardinale pensando che questo intendesse dire che quel vino poteva essere chiamato “santo” per la sua prelibatezza.
Da allora quel nome è rimasto ed il ”Vinsanto” è giunto fino ai nostri giorni.
(da “ADAGI MA NON TROPPO” di Franco Ciarleglio, Sarnus Editore)

Franco Ciarleglio
La leggenda del VINSANTO.
Tag:                 

Un pensiero su “La leggenda del VINSANTO.

  • 26 Dicembre 2017 alle 0:10
    Permalink

    Bene. Sembra anche che durante sempre tale Concilio svoltosi a Firenze fosse pronunziata durante un banchetto la parola ARISTA che è poi rimasta per defiire quella parte del maiale cucinata arrosto. La parola arista pronunciata da alcuni vescovi greci nel mangiare questa pietanza vuol dire ottima, squisita e via dicendo ed anche questa parola è rimasta nel nostro vocabolario per indicare questa parte del maiale che viene cucinata quasi sempre arrosto.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduttore