Chi sia stato in realtà il “bastian contrario” che ha dato origine a questa espressione idiomatica non è molto chiaro. E’ esistito un certo Bastiano Contrari, feroce brigante sabaudo morto impiccato, o anche il Duca Carlo Emanuele di Savoia, divenuto famoso per aver disobbedito all’ordine di ritirarsi e aver invece contrattaccato con i suoi granatieri, procurando forti perdite all’esercito franco-spagnolo.
Ma anche nella nostra Toscana abbiamo avuto un “bastian contrario”: Bastiano da Sangallo. Pittore, architetto e scenografo rinascimentale, nonché nipote del celebre Giuliano da Sangallo, Bastiano divenne famoso anche per il suo carattere burbero e per il contegno contrario e antitetico ai canoni comportamentali dell’epoca al punto da essere soprannominato “Aristotele” per la sua indole seria e pensierosa.
Oggi viene chiamato “bastian contrario” colui che, per partito preso, assume atteggiamenti e opinioni contrari a quelli della maggioranza.
(da “Adagi ma non troppo” di Franco Ciarleglio, Sarnus Editore)

Franco Ciarleglio
Bastian contrario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduttore