Espressione tipica toscana del XV secolo che sembra derivare da una forma dialettale francese “mine” che descrive i movimenti del volto, i gesti e le sembianze del viso e, come conseguenza, tutte le espressioni che la faccia umana può assumere (da cui mimo e mimare).
Per questo motivo l’espressione “fare moine” viene comunemente usata quando si indicano sdolcinature, smancerie, modi di atteggiarsi spesso non sinceri, gesti affettuosi e leziosi fatti per convincere qualcuno, o anche scene e atteggiamenti melensi e adulatori per ottenere qualcosa.
(da “Adagi ma non troppo di Franco Ciarleglio, Sarnus Editore)

Franco Ciarleglio
Fare le moine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduttore