Calcio storico foto di Stefano Schirato

Durante le partite del Calcio Storico, nella Firenze rinascimentale, a bordo campo venivano issate due lunghe pertiche sulle quali si alzavano, nel corso del gioco, delle piccole bandiere con i colori delle squadre avversarie. Lo scopo era quello di segnalare ai calcianti e al pubblico il risultato in tempo reale dell’incontro: bandiera quadrata per ogni “caccia”, bandiera triangolare per “mezza caccia”. Il problema sorgeva se, verso la fine della partita, una squadra non era ancora riuscita a marcare punti e quindi a sollevare una bandiera. Per evitare una situazione davvero imbarazzante e infamante, i calcianti allora davano il massimo per riuscire a far issare almeno una bandiera sull’asta: avrebbero perso la partita ma almeno salvato l’onore! Per questo motivo quel punto era chiamato “il punto della bandiera“. Oggi nella trasposizione del moderno gioco del calcio è diventato “il gol della bandiera“.
(da “IL CANTO DEI BISCHERI” di Franco Ciarleglio. Sarnus Editore)

Franco Ciarleglio
Il gol della bandiera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduttore