Con il termine “boreas”, che letteralmente vuol dire forte vento di settentrione, gli antichi romani chiamavano la Tramontana o anche un brutto temporale e, per analogia, una situazione di confusione, trambusto, scompiglio, discussione.
Le stesso significato è giunto fino ai nostri giorni. Infatti la “buriana” è quell’improvviso e fortissimo temporale estivo che sembra nascere dal nulla e che poi si placa come per incanto dopo appena un quarto d’ora.
In Toscana e in particolare a Firenze dire “c’è buriana” o “l’è buriana” vuol dire trovarsi di fronte a un burrascoso litigio, a un gran vociare, a un’improvvisa baruffa.
Del resto anche Vasco Pratolini nel suo romanzo “Cronache di poveri amanti” scrive: “in via del Corno, anche se a volte c’è buriana, ci vogliamo tutti bene”.
(da “Adagi con brio” di Franco Ciarleglio, Sarnus Editore)

L’è buriana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduttore