Questo adagio trae le sue origini quando operavano ancora i mulini ad acqua, utilizzata per muovere le macine che riducono in farina i cereali. Nei periodi di siccità, i mugnai cercavano di procurarsi con ogni mezzo la maggior quantità di acqua possibile e la “tiravano” prelevandola materialmente tramite apposite condotte. In questo caso però il flusso regolare dell’acqua del fiume veniva impoverito a danno degli altri mulini vicini.
Ancora oggi affermare “ognuno tira l’acqua al proprio mulino” vuol dire che ciascuno fa i propri interessi e cerca di portare vantaggi o dire cose favorevoli a sé stesso, spesso senza tener conto degli altri o addirittura a loro danno.
(da “Adagi con brio” di Franco Ciarleglio, Sarnus Editore)

Franco Ciarleglio
Ognuno tira l’acqua al suo mulino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.