Torre della Pagliazza

La Torre della Pagliazza si trova a pochi passi dal Duomo in Piazza di Sant’Elisabetta ed è un edificio fra i più antichi di Firenze. Non solo ha una forma circolare poco caratteristica ma racchiude una storia di sofferenza e forse anche una leggenda legata ad un fantasma.

La torre risale probabilmente al 550 ed è di origine Bizzantina anche se taluni sostengono un’origine più tarda come semplice casa torre eretta dai longobardi. Per essere onesti è incerto il periodo di edificazione che comunque rientra tra il VI e il VII secolo. Certo è che sia stata eretta su fondazioni di origine romana. Questo fu accertato negli anni ottanta del secolo scorso (1983 – 1988) durante gli scavi effettuati per un restauro ad opera di Italo Gamberini. Il restauro ha permesso di riportare la torre ad un’immagine più vicina a quella del XV secolo. Le mura che sono state trovate sono le uniche mura romane rinvenute in questa parte della città e probabilmente sono le mura di un’area termale della Firenze romana, infatti il muro delle fondamenta è circolare anche esso e probabilmente delimitava una piscina. Anche questo eccezione dato che sappiamo che l’area termale era sita in Via delle Terme, appunto. La scelta di costruirla circolare deriva probabilmente proprio dal fatto che le fondamenta erano tali. Durante il restauro sono stati trovati diversi pezzi ceramici, soprattutto del XVI e XVII secolo, che sono poi stati organizzati in un piccolo museo visitabile su richiesta.

Per un lungo periodo non si ha traccia di come la torre sia stata usata fino ad arrivare al 1268 anno in cui viene destinata a struttura carceraria per poi diventare nel 1285 carcere prettamente femminile unendosi ai due carceri maschili delle Stinche e la Burella. Il nome attuale di Torre della Pagliazza deriva proprio dai pagliericci usati per far dormire le carcerate, dei semplici giacigli di paglia. All’epoca le condizioni delle carceri non era proprio idilliaca e molti erano i condannati che morivano al loro interno sia a causa dell’ambiente malsano sia a causa delle torture ufficiali o meno che venivano praticate. La leggenda del fantasma, che confesso conoscere perchè mi è stata raccontata da ragazzo, non mi è riuscito trovarla in nessun articolo o libro, quindi la trascrivo secondo ricordo e con il rischio di raccontare una sciocchezza. In pratica il fantasma è appunto di una donna che sembra essere morta all’interno del carcere e sembra comparire una volta l’anno in occasione della data della morte aggirandosi con aria smarrita all’interno dell’edificio. L’unico riferimento che ho trovato al fantasma è su un blog di recensioni di ristoranti dove invece raccontano che i fantasmi sono più di uno e sarebbero i fantasmi delle detenute che si aggirano ancora nelle segrete la notte di Ognissanti.

Torre della Pagliazza prima del 1982

Tornando alla storia della torre, soppresso il carcere, fu adibita a campanile della chiesa longobarda di San Michele in Palco che poi cambiò nome in San Michele alle Trombe. La ragione del cambio di nome risale al fatto che nelle abitazioni limitrofe furono alloggiati dei suonatori di tromba stipendiati dal comune ed usati nelle feste e nei proclami. In seguito il nome fu ancora modificato nel 1517 in chiesa di Sant’Elisabetta quando passò in mano ad una confraternita devota a Santa Elisabetta madre del patrono della città San Giovanni Battista. La chiesa fu sconsacrata nel 1785 e del suo uso religioso rimangono solo una fonte battesimale e alcuni dipinti.

Dal 1785 il suo uso fu di origine privata e fu usata come abitazione e magazzini, poi progressivamente inglobata da altri edifici nel 1842 tanto che agli inizi del 900 era completamente murata all’interno di un’edificio e se ne vedeva solo la parte terminale. L’edificio era un albergo dal nome “del Giglio” che è rimasto tale fino al 1967 quando fu acquisito dall’INA. Il restauro di cui parlavamo prima l’ha appunto riportata ad antichi splendori liberandola del mantello soffocante.

Attualmente Torre della Pagliazza è parte del bellissimo hotel Brunelleschi. Una delle suite più belle è proprio sita nelle due stanze più alte della torre ed è possibile soggiornarci con una delle viste più splendide che si possano desiderare a Firenze.

Jacopo Cioni

 

Torre della Pagliazza, fra carcerati e fantasmi.
Tag:                     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *