Secondo la massima latina “in vino veritas”, quando una persona ha bevuto dice sempre la verità. Quindi chi non vuole bere in compagnia è perché ha qualcosa da nascondere. L’usanza di alzare i calici e bere alla salute dei commensali, sia che fossero ospiti o amici, è antichissima. La ritroviamo fin dai tempi dei popoli primordiali, al tempo dei greci e dei romani per poi diffondersi nel medioevo in tutta Europa.
In sostanza il brindisi ha sempre rappresentato un momento di aggregazione e di amicizia per cui, chi non vuole partecipare alla gioia di una compagnia di amici forse ha qualcosa contro di loro oppure ha dei problemi con sé stesso. E’ proprio per questo motivo che è nato l’adagio “chi non beve in compagnia o è un ladro o è una spia”!
(da “Adagi allegri andanti” di Franco Ciarleglio, Sarnus Editore)

Franco Ciarleglio
Chi non beve in compagnia o è un ladro o una spia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduttore